FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SAN GIOVANNI BOSCO

Festa di DON BOSCO 2020
17 Gennaio 2020
CARNEVALE 2020
11 Febbraio 2020

FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SAN GIOVANNI BOSCO

Come ogni anno, nelle case salesiane di tutto il mondo, il 31 gennaio si è festeggiato S. Giovanni Bosco. Anche nella casa salesiana di Ragusa, per questa occasione, si sono vissuti vari momenti.

Si è iniziato giorno 29 con la presentazione e il commento della Strenna 2020. Quest’anno il messaggio trasmesso dal Rettor Maggiore alle comunità salesiane di tutto il mondo è stato:“Sia fatta la tua volontà, come in cielo e così in  terra – BUONI CRISTIANI E ONESTI CITTADINI”. E’ stato Don Marcello Mazzeo, economo dell’Ispettoria salesiana della Sicilia, a commentare con sapienza e chiarezza la Strenna. Egli, facendo riferimento ai vari gruppi delle famiglia salesiana, nelle diverse nazioni e nelle opere più svariate, ha evidenziato sull’importanza  di volgere lo sguardo su quegli aspetti che hanno  a che vedere con la formazione del cristiano  e del cittadino.

Si è proseguito il 30 sera, nella chiesa di S. Maria Ausiliatrice, con la veglia di preghiera in onore del Santo dei giovani, preparata da Don Alfio Pappalardo, incaricato dell’oratorio, e presieduta dal direttore della Casa  Don Edoardo Cutuli dal titolo: “Io abbozzo, voi stendete i colori” Ogni colore parla di Te! Oltre ai momenti di preghiera, ai canti e all’Adorazione Eucaristica, ci sono stati tre momenti recitati da alcuni giovani dell’oratorio che hanno contribuito a rendere la celebrazione ancora più viva e più interessante. La serata si è conclusa con una cena e serata di fraternità per tutti i gruppi formativi dei giovani.

Giorno 31 gennaio, solennità di san Giovanni Bosco, il Vescovo della Diocesi di Ragusa, Mons. Carmelo Cuttitta, è stato ospite a pranzo insieme al suo segretario Don Pippo Occhipinti, presso la Casa Salesiana di Ragusa. Ad accogliere gli illustri ospiti insieme al direttore Don Edoardo Cutuli e gli altri sacerdoti salesiani, è stata presente  una rappresentanza dei vari gruppi della comunità salesiana. Il Vescovo si è compiaciuto per questo momento di condivisione fraterna, vissuto all’insegna di Don Bosco.

Il clou dei festeggiamenti si è avuto in serata con la celebrazione eucaristica, presieduta da Don Edoardo Cutuli  Dopo la S. Messa è seguita una breve processione: la statua di Don Bosco è stato portata in cortile, dove con una breve e sobria cerimonia, i fedeli hanno ricevuto la benedizione finale e recitato la preghiera a Lui dedicata. Successivamente un breve e colorato intrattenimento pirotecnico ha preceduto il rientro in chiesa del simulacro. Infine la giornata si è conclusa in teatro, con la tradizionale “accademia”, dove si è assistito all’esibizione dei giovani dei vari gruppi formativi dell’oratorio con canti, balli e scenette.

Quindi una fine di gennaio vissuta intensamente ha permesso di consolidare ancora di più il senso di unione di famiglia di questa comunità dove tutti i componenti possono sentirsi figli di Don Bosco.