FORMAZIONE PERMANENTE ZONA IBLEA DEI SALESIANI COOPERATORI

FORMAZIONE PERMANENTE ZONA IBLEA DEI SALESIANI COOPERATORI

I centri locali dei salesiani cooperatori di Ragusa e Modica si sono incontrati domenica 17 novembre u.s. per la formazione permanente della zona iblea. Per l’occasione è stato organizzato un pellegrinaggio sulle orme della Beata ragusana Maria Schininà. Il tema di tale incontro è stato estratto dalla proposta formativa dell’anno:

# PUOI ESSERE SANTO LI DOVE SEI .

A tal proposito i salesiani cooperatori hanno focalizzato il tema dell’incontro con la conoscenza e l’attualizzazione  di una figura  di santità del territorio  ragusano.

Il tutto è iniziato con un pellegrinaggio con partenza dal Palazzo del Vescovado, abitazione in età giovanile della Beata, donata poi dalla sua famiglia nobiliare  alla Diocesi del capoluogo. E’ stata l’associazione LAMS, Amici di Maria Schininà, che con grande attenzione hanno curato le 10 tappe dell’itinerario storico-culturale –spirituale. Tale tragitto  dal titolo “Sui passi di Maria Schininà” ha percorso i luoghi in cui visse ed operò la fondatrice del Sacro Cuore di Ragusa.

    

      

All’arrivo alla Casa Madre il numeroso gruppo ha visitato il museo a lei dedicato ed inaugurato il maggio scorso. Il pellegrinaggio si è concluso con una condivisione dove sono emerse risonanze di una “madre” attenta con un cuore rivolto ai bisognosi, alla cura dei malati e agli emarginati dell’epoca del suo territorio.  Nella condivisione  sono emerse anche  diverse similitudini con la figura del Santo salesiano Don Bosco nella Torino dell’800.

Dopo il pranzo in agape fraterna c’è stata la riflessione del cooperatore Orazio Peluso sulla tappa del percorso formativo dell’anno in corso:  “# Santo lì dove sei”.  Nel pomeriggio, a conclusione del ritiro, il delegato del centro locale di Ragusa, Don Edoardo Cutuli, ha presieduto la Santa Messa che è stata celebrata nella Cappella della Casa Madre dove sono conservate le spoglie mortali della Beata ragusana.

               

I centri locali della zona iblea  si sono dati appuntamento a marzo 2020 a Modica, per un altro pellegrinaggio, questa volta,  nei luoghi del Servo di Dio Nino Baglieri.